Mirabilia Art Gallery
ddv1
David Dalla Venezia
Nato a Cannes, Francia, il 10 Aprile 1965. Il fascino ed il potere delle immagini hanno fin dall’infanzia determinato nell’artista la necessità di essere pittore. Cresciuto, tra Cannes e Venezia, in una famiglia ed in un ambiente ricchi di stimoli ed esempi di artigianato e di arte, ... Biografia completa di David Dalla Venezia

Nato a Cannes, Francia, il 10 Aprile 1965. Il fascino ed il potere delle immagini hanno fin dall’infanzia determinato nell’artista la necessità di essere pittore.

Cresciuto, tra Cannes e Venezia, in una famiglia ed in un ambiente ricchi di stimoli ed esempi di artigianato e di arte, DDV ha acquisito la manualità ed esperienza del mestiere (praxis) ed assunto quel senso metafisico che sta a fondamento del fare artistico (poiesis).
Dopo essersi diplomato, ha studiato storia dell’arte e filosofia all’università di Venezia.

Il mondo e la cultura popolare del XX secolo, la mitologia classica e le sue relative elaborazioni psicoanalitiche (Freud, Jung), la filosofia greca, moderna (soprattutto Schopenhauer e Nietschze) e contemporanea (Severino) hanno ulteriormente nutrito la visione del mondo e l’immaginario pittorico di DDV.

Grande influenza, nella prima giovinezza dell’artista, hanno avuto il Surrealismo (Dalì, Magritte), la Metafisica (De Chirico, Savinio).

Negli anni ’80, culmine di un periodo di abbandono e disprezzo ufficiale per la pittura figurativa, cruciale è stato l’incontro con il catalogo dell’esposizione “Les Realismes: 1919-1939”, curata da Jean Clair nel 1980 presso il Centre Pompidou di Parigi. La summa di immagini, testi e documenti sul ritorno alla pittura figurativa tra le due grandi guerre ha permesso a DDV di comprendere come fosse possibile, e necessario, continuare e mutuare i grandi esempi classici della pittura nel e con il mondo contemporaneo.

Nel 1987 a seguito di considerazioni sulla storia della pittura pubblica (le grandi decorazioni esterne di palazzi dell’antichità e modernità classica, ma anche i movimenti di pittura murale e sociale in Italia e Messico nei primi anni del XX secolo, fino al movimento graffitista newyorchese ed internazionale degli anni ‘80) decide di passare dalla teoria alla pratica cominciando, in collaborazione con l’artista giapponese Hiroshi Daikoku, a dipingere grandi composizioni sulle palizzate di legno dei cantieri di restauro per le strade di Venezia. La realizzazione di questi dipinti è imperniata sulla più immediata, spontanea ma responsabile, comunicazione con il pubblico cittadino e viene da questo, e anche dalla stampa, accolta con simpatia e favore. L’esperienza durerà fino al 1989 con la realizzazione di 12 dipinti (vedi David & Hiroshi).

Nel 1989 la sua prima mostra personale ha luogo presso la galleria Bac Art studio a Venezia.

Dal 1990 al 1992 vive e lavora a Nizza partecipando a esposizioni collettive nella regione (IV Biennale Internazionale d’Arte Contemporanea dove vince il 1° premio per la pittura).

Negli anni ’90, continuando a dipingere ed esporre in Italia e all’estero, ha sviluppato il suo stile e perfezionato la tecnica pittorica cercando sempre un confronto con la contemporaneità.

Con l’inizio del nuovo secolo e grazie alla libera diffusione ed accesso alle informazioni resi possibili da internet si consolida la coscienza del persistere di una cultura diffusa della pittura, come proseguimento ininterrotto di un lungo ed antico percorso di tradizione, che contraddice palesemente la pretesa universalità dell’egemonico ed esclusivo monopolio ufficialmente denominato e comunemente noto come sistema dell’Arte Contemporanea.

Nel 2005 ha partecipato in Norvegia alla II Kitsch annuale che fa capo al noto pittore norvegese Odd Nerdrum.
Nel 2010 l’artista e la sua arte onirica sono stati scelti per decorare la Suite presso il prestigioso Arte Luise Kunsthotel di Berlino e dopo un anno partecipa alla Biennale di Venezia nel Padiglione Italia.

Dalla Venezia ha continuativamente inciso lastre ad acquaforte (tecnica a cui è stato introdotto nel 1979 presso la Scuola Internazionale di Grafica di Venezia) e incluse nella raccolta del Gabinetto delle Stampe Antiche e Moderne di Bagnacavallo.

L’ultima esposizione risale al 14 maggio 2016, a Venezia, mostra collettiva “La Regola del Volto”

Attualmente intrattiene rapporti e relazioni con suoi colleghi pittori nel tentativo di sostenere, non solo con la sua pittura ma anche tramite l’organizzazione di eventi espositivi, l’auspicata rivalutazione di quella parte del mondo dell’arte dei nostri tempi che è stata finora penalizzata: la pittura figurativa.

- Biografia